La proposta visualizzata nell’idea di progetto tende all’eliminazione di punti fissi sia visuali sia formali. Il massimo della flessibilità spaziale è ottenuta separando il concetto di copertura e, conseguentemente dei punti fissi determinati dagli elementi strutturali di sostegno, dalla disposizione funzionale degli spazi e delle aree utili. L’utilizzo di maglie a larga campata permette la diradazione dei grappoli di pilastri tondi metallici di sostegno che si qualificano visivamente in quanto elementi architettonici a vista, a sostegno di una grande copertura realizzata a fasce ondulate liberamente alternate così da permettere, laddove l’andamento è contrapposto, ampie vetrature illuminanti. Tale sistema permette una forte adattabilità dimensionale in quanto l’intero complesso può essere sia ridotto eliminando serie di fasce o ampliato all’infinito senza che ne subisca alterazioni formali. Tale libertà compositiva è collocabile in qualsiasi sito, in cui la forma particolare, non regolare, dell’area condizioni il sedime del fabbricato, in quanto con operazioni di slittamento o allungamento delle fasce consente la risoluzione di forme irregolari.